Guida alla SRL Semplificata

La legge italiana prevede la possibilità di costituire diversi tipi di Società, alcune delle quali sono dette a responsabilità limitata. Il vantaggio principale di queste società è spiegato dal loro stesso nome, poiché, infatti, in caso di debiti o di inadempimenti nei confronti dei clienti, la responsabilità dei soci è limitata alla quota di capitale che hanno versato al momento della costituzione della società stessa.

Per questo motivo, e perché sono meno onerose delle società per azioni, le Srl hanno avuto una grossa popolarità fin dalla loro creazione.

Un problema che spesso impedisce a chi vuole mettersi in proprio di costituire una Srl, però, riguarda la mancanza dei capitali necessari, che devono ammontare a un minimo di 10.000 Euro. Questo ostacolo è stato superato nel 2012, quando sono state introdotte nell’ordinamento italiano alcune Srl speciali, fra cui quella semplificata.

Se vuoi fare delle domande, contattaci. Saremo lieti di aiutarti.


Srls: caratteristiche

La Srl semplificata è stata introdotta con un decreto nel 2012, poi emendato, nel quale era inizialmente previsto un limite di età per poter costituire questo tipo di società. Il limite era di 35 anni, ma è stato successivamente abolito, per cui adesso le Srls sono aperte a tutti, purché si soddisfino certi requisiti.

La caratteristica principale delle Srls riguarda il fatto che possono essere aperte versando solamente un Euro di capitale. Il massimo importo con il quale si può contribuire alle Srls è di 9.999 Euro. Il capitale sociale dev’essere in contanti e versato interamente al momento della costituzione della società.
Le società a responsabilità limitata semplificate possono essere avviate da una o più persone. Nel caso in cui il socio sia uno solo, la Srl semplificata è detta unipersonale.


Srls: costituzione

Quando si è in possesso del capitale necessario per avviare una Srls, bisogna redigere un Atto costitutivo. Questo documento è necessario per delineare alcuni aspetti di tutte le società e per le Srls è basato su un modello standard che bisogna solamente compilare. Ciò comporta alcuni vantaggi e svantaggi. Un vantaggio è costituito dal fatto che non è necessario controllare il contenuto dell’atto per poter verificare se è tutto a posto. Per questo motivo, è stato deciso per legge che il notaio che deve approvarlo e iscrivere la Società nel Registro delle Imprese presti la sua opera gratuitamente.

Uno svantaggio che deriva dal fatto di utilizzare un atto costitutivo standard, d’altra parte, è che non è possibile modificarlo in alcun modo, per cui non può contenere clausole personalizzate anche quando dovessero essere necessarie.


Srls: spese di apertura e gestione

Il fatto di non pagare il notaio al momento della costituzione della società si traduce in un vantaggio economico notevole al momento della sua apertura. Le Srl semplificate sono anche esonerate da alcuni diritti di segreteria e bolli di diverso genere. Questo particolare, insieme al fatto di non dover disporre di un capitale elevato per avviare una Srls, rende questo tipo di società adatto a chi decide di mettersi in proprio ma non ha molti mezzi a disposizione.

Dopo il primo anno, però, le spese di gestione delle Srls sono equiparabili a quelle delle Srl ordinarie e possono superare i 10.000 Euro. Per questo motivo, prima di avviare una Srls è necessario ponderare tutti questi aspetti e, soprattutto, avere una buona idea di partenza che consenta di guadagnare abbastanza per evitare di fallire immediatamente dopo solamente un anno dall’inizio dell’attività.


Srls: vantaggi e svantaggi

Da tutto ciò che è stato evidenziato finora, le Srl semplificate possono essere vantaggiose per alcuni motivi ma svantaggiose per altri. Fra i vantaggi, è bene sottolineare ancora una volta il fatto che si tratti di una forma societaria a responsabilità limitata per cui i soci o il socio che ne fanno parte non rispondono con il loro intero patrimonio in caso di debiti. Inoltre, non comporta molte spese di costituzione e può essere avviata anche da chi no ha molti soldi per mettesi in proprio.

D’altra parte, gli oneri che comporta la gestione delle Srls non sono inferiori rispetto alle Srl ordinarie e come si è visto l’atto costitutivo non può essere emendato in modo da poterlo personalizzare. Infine, anche il capitale ridotto può essere un’arma a doppio taglio, perché spesso non costituisce una garanzia sufficiente per gli istituti di credito, che sono restii a concedere finanziamenti a questi tipi di società.

Per tutti questi motivi, prima di aprire una Società a responsabilità limitata semplificata è bene considerare tutti i pro e i contro. A parte ciò, se si tratti di una forma vantaggiosa oppure no può dipendere molto dal tipo di attività che si desidera svolgere ed è quindi un discorso abbastanza soggettivo.


Fatti orientare da un commercialista

Prima di imbarcarse nella creazione di una società è esenziale avere una discusione con il tuo commercialista. Ogni caso specifico è diverso e quindi ci vuole l’esperienza di un esperto per partire nel modo giusto. Se non hai un commercialista puoi contattare il Servizio Contabile Italiano, che abitualmente da assistenza anche telefonica.

%d bloggers like this: