Iscrizione Registro Imprese della Srl semplificata

L’iscrizione al Registro delle Imprese è un passo molto importante quando si desidera avviare una società, perché sancisce il momento della nascita vera e propria della società stessa. In altre parole, senza l’iscrizione al Registro delle Imprese la società non può esistere. Nel caso di una società a responsabilità limitata semplificata, la domanda di iscrizione al Registro delle Imprese è presentata da un notaio entro 20 giorni dalla costituzione.

Il Registro delle Imprese deve trovarsi nello stesso comune in cui la società ha la sede legale. Dal momento in cui la domanda viene presentata, poi, il Registro delle Imprese ha solamente 5 giorni per iscrivere ufficialmente la società. Quando ciò avviene, alla società a responsabilità limitata semplificata è attribuito un numero di partita IVA.

Se vuoi fare delle domande, contattaci. Saremo lieti di aiutarti.


Cos’altro è necessario fare per avviare una Srls?

La Srl semplificata è una società di capitali. Ciò significa che per poterne avviare una è necessario versare un capitale iniziale. Nel caso delle Srls, questo capitale va da un minimo di un Euro a un massimo di 9.999 Euro. Il capitale deve essere versato al momento della costituzione della società e dev’essere esclusivamente in contanti.

Un altro requisito per poter creare una società a responsabilità limitata semplificata è costituito dal fatto di dover redigere un atto costitutivo. In generale, l’atto costitutivo è un documento nel quale sono contenuti i dati riguardanti la società, come ad esempio la denominazione, la sede e lo scopo sociale, ossia il tipo di attività che si intende svolgere. Nel caso di una Srls, l’atto costitutivo si basa su un modello standardizzato che va semplicemente finito di compilare. Anche se questa operazione va svolta in presenza di un notaio, perché costituisce un vero e proprio atto pubblico, nel caso delle Srls il notaio non si paga. Ciò consente alle Srl semplificate di risparmiare alcune spese al momento della costituzione.


Clausole Srl semplificata: sono possibili?

Quando si costituisce una società, in genere è possibile aggiungere alcune clausole speciali all’atto costitutivo. Queste clausole possono riguardare diversi ambiti e, ad esempio, regolare il ruolo degli amministratori, l’eventuale trasferimento delle quote di capitale, l’assunzione di dipendenti, e così via. Le clausole speciali possono, dunque, rivelarsi molto utili per definire alcune regole specifiche che non sono previste a livello legislativo perché il codice civile potrebbe non avere previsto certe eventualità ben distinte che possono riguardare una certa società piuttosto che un’altra.

Nel caso delle Srl semplificate, però, non è possibile aggiungere nessuna clausola all’atto costitutivo. Ciò è stato deciso in modo definitivo non molto tempo fa. Il motivo di ciò è molto semplice, ossia, se l’atto costitutivo che bisogna redigere per una Srls è un modello predefinito, aggiungere clausole particolari farebbe decadere questo concetto, perché l’atto diventerebbe personalizzato. Inoltre, ogni clausola andrebbe fatta verificare da un notaio che, a questo punto, bisognerebbe pagare, mentre, come si è visto, al momento della costituzione delle Srls le spese notarili non sono dovute.


Srl semplificata: critiche

Fin dalla loro istituzione, le Srls hanno sollevato dubbi e critiche. Inizialmente, ad esempio, erano state destinate solamente ai minori di 35 anni, senza che, però, la legge specificasse che cosa succedeva quando il titolare dell’impresa superava tale limite di età. Per questo motivo, il limite dei 35 anni è stato abolito quasi subito. Un altro problema che può verificarsi per quanto riguarda le Srls, è costituito dal limite minimo del capitale. Se, da un lato, il fatto di poter avviare un’impresa con 1 solo Euro offre il vantaggio di permettere anche a chi non ha molti soldi di diventare imprenditore, dall’altro, può essere difficile trovare i finanziamenti necessari per poter acquistare, ad esempio, le attrezzature necessarie per poter svolgere l’attività oggetto dell’impresa.

Le banche sono infatti restie a concedere prestiti a chi non offre sufficienti garanzie riguardo al fatto di poter restituire la somma ottenuta. Infine, al di là del risparmio iniziale, le spese di gestione di una Srls sono le stesse sostenute da una Srl ordinaria e sono piuttosto consistenti, visto che si aggirano intorno ai 12.000 Euro. Per questo motivo, le Srl semplificate possono essere considerate davvero vantaggiose solamente se si ha un’idea davvero buona riguardo all’attività da svolgere e, soprattutto, se l’attività stessa non comporta molte spese per attrezzature di vario genere.

%d bloggers like this: