Srl semplificata: accesso al credito

Le società a responsabilità limitata semplificate sono state introdotte nell’ordinamento italiano per agevolare chi desidera avviare un’impresa, ma non ha un grosso capitale di partenza. Infatti, per aprire una Srl semplificata è necessario avere solamente 1 Euro di capitale. Anche se sono state istituite con le migliori intenzioni, con il passare del tempo si è visto che le Srls possono presentare alcuni problemi. Il primo fra tutti è il problema dell’accesso al credito. In altri termini, nelle Srl la responsabilità dei soci o del socio unico, nel caso di una Srls unipersonale, è limitata, appunto, alla quota di capitale versato. Se per aprire la Srls è stato versato un solo Euro, ne consegue, dunque, che l’ammontare totale sul quale i creditori possono rivalersi è solamente di un Euro. È anche abbastanza improbabile che un solo Euro sia sufficiente ad avviare un’impresa, considerando che bisogna, ad esempio, iscriversi immediatamente all’Inps e che probabilmente bisognerà acquistare alcune attrezzature.
Quando si chiede un prestito a una banca, anche se l’ammontare non è eccessivo, sono richieste alcune garanzie perché gli istituti di credito vogliono avere la certezza che il prestito concesso possa essere restituito. Se l’ammontare sul quale le banche possono rivalersi in caso di insolvenza è di un solo Euro, va da sé che sarà piuttosto difficile per una Srls ottenere un prestito bancario.

Se vuoi fare delle domande, contattaci. Saremo lieti di aiutarti.


Com’è possibile, allora, finanziare una Srls?

Per evitare i problemi appena descritti e garantire alla Srl semplificata risorse sufficienti per poter essere avviata, è possibile ricorrere al finanziamento dei soci. In altre parole, i soci possono decidere di versare una certa cifra nelle casse della società a mo’ di finanziamento. Questo finanziamento può essere di due tipi: in conto capitale o in forma di prestito. Nel primo caso, i soci non hanno diritto a chiedere la restituzione della cifra versata, anche se è possibile accordarsi per scritto in modo da garantire comunque la restituzione del cifra stessa. Nel secondo caso, poiché si tratta di un prestito vero e proprio, i soci possono ottenerne la restituzione con gli interessi, in tempi e modi da stabilire di comune accordo.


Quanti soldi servono per aprire e gestire una Srl semplificata?

Per avviare una Srls semplificata i costi sono ridotti, in quanto, ad esempio, non si pagano le spese notarili. Anche se, in teoria, questo è un vantaggio, nella pratica si è visto che è piuttosto difficile trovare un notaio disposto a lavorare gratis, anche se tutto ciò che deve fare è verificare l’identità dei soci e la presenza del capitale, per poi presentare solamente la richiesta di inizio attività al registro delle Imprese. Per quanto riguarda la gestione delle Srls, d’altra parte, non ci sono molte differenze rispetto alle Srl ordinarie. Per fare un esempio, le spese necessarie per gestire una Srls semplificata durante il primo anno di attività si aggirano intorno agli 8.000 Euro, mentre per una Srl ordinaria i costi sono di circa 9.500 Euro. È pur vero che una differenza di 1.500 Euro può essere piuttosto alta in base al tipo di attività scelta e alle risorse disponibili da parte dei soci. Ad ogni modo, però, dopo il primo anno le spese fisse sostenute da una Srl semplificata e una ordinaria si equivalgono.


Ma allora le Srls convengono davvero?

Le Società a responsabilità semplificata possono essere convenienti se non si ha un capitale di partenza molto elevato e se si ha la possibilità di coinvolgere uno o più soci disposti a finanziare l’impresa al posto di un istituto di credito. Inoltre, sono Società convenienti per i tipi di attività che non necessitano di attrezzature molto costose, poiché l’ammontare totale del rimborso ottenibile da questo punto di vista è limitato. Se si ha la possibilità di ottenere i finanziamenti necessari tramite l’espediente suddetto e non è necessario sostenere costi eccessivi per l’equipaggiamento necessario a svolgere l’attività oggetto dell’impresa, allora le Srl semplificate possono essere molto vantaggiose. È bene, però, ricordare, che le Srls non usufruiscono di vantaggi particolari per quanto riguarda il regime fiscale che può essere adottato, poiché, al contrario, è lo stesso delle Srl regolari ed è, infatti, definito “Regime fiscale ordinario”. Ciò significa che bisogna necessariamente sostenere alcune spese extra per assumere un commercialista.

%d bloggers like this: