Srl semplificata agricola

La legge definisce Imprenditore Agricolo Professionale (IAP) qualunque individuo in possesso di conoscenze e competenze professionali tali da consentire di svolgere un’attività agricola, dedicandovi almeno il 50% del proprio tempo di lavoro complessivo. Inoltre, per poter essere definiti IAP, è necessario che almeno il 50% del reddito totale di lavoro derivi da una o più attività agricole. Secondo tale definizione, anche le società cooperative, di persone e di capitali, possono essere considerate IAP. In questo caso, si parla di IAP come persona giuridica.

Per quanto riguarda le società appartenenti a quest’ultima categoria, della quale fanno parte anche le Srl semplificate, la condizione da soddisfare per essere considerate IAP è che almeno un amministratore sia in possesso della qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale. In tal caso, si parla di Società agricole.

Se vuoi fare delle domande, contattaci. Saremo lieti di aiutarti.


Come sono definite le attività agricole?

Per attività agricole non si intendono esclusivamente le attività legate alla coltivazione di un fondo, ma in questo termine sono comprese anche altre attività, come ad esempio la silvicoltura, l’allevamento di animali e tutto ciò che è ad esse legato. In altri termini, sono considerate attività agricole anche le attività legate alla “manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione dei prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall’allevamento di animali”. Inoltre, in questa categoria rientra anche tutto ciò che è legato alla fornitura di beni o servizi che ha luogo in modo prevalente attraverso l’utilizzo delle attrezzature o risorse dell’azienda agricola. Infine, anche gli agriturismi sono considerati attività agricole.


Quali sono gli altri requisiti delle Srls agricole?

Oltre a ciò che è stato detto fin qui, per essere definite società agricole, le Srls devono includere tale denominazione nel loro nome. Al terzo requisito si è accennato in precedenza, ossia, per quanto riguarda le Srls, è necessario che almeno un amministratore sia un Imprenditore Agricolo Professionale. Inoltre, è necessario che l’IAP sia iscritto all’INPS. Poiché nelle Srl semplificate è possibile per legge che gli amministratori siano scelti fra persone diverse dai soci, è possibile che esistano Srl semplificate dove nessuno dei soci è un agricoltore, anche nel caso delle società a responsabilità limitata semplificate a socio unico o unipersonali.


Le Srls agricole hanno diritto ad agevolazioni?

Attualmente, la legge stabilisce che le Srl semplificate agricole possano usufruire delle agevolazioni fiscali che fino a non molto tempo fa erano esclusivamente riservate ai coltivatori diretti. Fra queste, si trovano alcune agevolazioni mirate a favorire l’acquisto di terreni da destinare alla coltivazione o alle altre attività agricole elencate in precedenza. Per potersi avvantaggiare di tutte le agevolazioni destinate alle società agricole, le Srl semplificate devono fare richiesta per modificare la propria denominazione in modo da includere, come si è visto, la dicitura “società agricola”.

Un altro vantaggio del quale possono usufruire le Srl semplificate agricole riguarda il fatto che possono scegliere di essere tassate in base al reddito catastale dei terreni e non in base al bilancio. Questa possibilità è stata concessa nuovamente con una legge del 2014, che l’ha estesa senza limitazioni alle società agricole di qualunque tipo. Si tratta anche di un tipo di tassazione meno onerosa per le società agricole stesse.


Che cosa comporta la tassazione sul reddito catastale?

Offrire alle Srl semplificate di tipo agricolo la possibilità di decidere di essere tassate in base ai redditi catastali comporta alcuni indiscutibili vantaggi, ma anche un paio di svantaggi.

Fra i vantaggi offerti da questo tipo di tassazione, troviamo il fatto che non è necessario redigere un bilancio. In effetti, per poter stendere un bilancio a fine esercizio è in genere necessario assumere un commercialista, cosa che comporta spese aggiuntive per l’azienda. Come si sa, le aziende agricole non guadagnano molti soldi, anzi, spesso sono in perdita, per cui l’idea di dover spendere soldi aggiuntivi per assumere una persona che si occupi della gestione finanziaria non è certo il massimo. Ad ogni modo, questo può anche essere visto come un’arma a doppio taglio. Infatti, il fatto di dover presentare un bilancio a fine anno significherebbe anche costringere l’azienda a una gestione di tipo imprenditoriale, perché sarebbe necessario raccogliere informazioni che consentirebbero anche di avere un controllo migliore sull’azienda stessa. Ciò potrebbe portare alla lunga anche a un miglioramento del sistema agricolo nella sua interezza.


Conviene una SRL Semplificata per la tua attività agricola?

La valutazione non è semplice. La convenienza della SRL Semplificata o di altri tipi di società dipende da diversi fattori. Per sapere cosa conviene nel tuo caso specifico dovresti parlare con il tuo commercialista. Se non hai ancora un commercialista di chi fidarti puoi chiamare il Servizio Contabile Italiano. Loro ti metteranno sulla strada giusta.

%d bloggers like this: