S.R.L. Semplificata Artigiana

Cosa è una Srl semplificata artigiana?

Un’impresa è definita “artigiana” nel caso in cui i beni o i servizi offerti sono prodotti artigianalmente, ossia non in modo completamente automatizzato, e anche, spesso, in modo manuale, con l’esclusione delle attività agricole e di tipo commerciale. L’impresa artigiana può essere di tipo individuale o collettivo e ultimamente è stata anche approvata una legge che consente agli artigiani di organizzarsi in forma di società a responsabilità limitata, o Srl.

Un tipo di Srl è detto “semplificato” perché per la sua costituzione è sufficiente redigere uno statuto standard e comporta anche meno complicazioni dal punto di vista burocratico. Anche il capitale necessario per costituire questo tipo di società è inferiore rispetto alle Srl ordinarie, poiché va da un solo Euro a 9.999 Euro.


Quali sono le caratteristiche della Srl semplificata artigiana?

Fino a non molti anni fa, le Srl artigiane potevano essere esclusivamente unipersonali, ossia non potevano avere più di un socio, mentre a partire dal 2001 la legge è stata cambiata per cui adesso i soci possono essere più d’uno. Ad ogni modo, per poter considerare una Srl di tipo artigiano è necessario che siano rispettate alcune condizioni. Innanzitutto, la maggior parte dei soci, o almeno uno nel caso in cui i soci siano due, deve obbligatoriamente avere un ruolo come lavoratore nell’ambito del processo produttivo. Inoltre, tali soci lavoratori devono anche detenere la maggioranza a livello di partecipazione al capitale della società. Di conseguenza, i soci lavoratori saranno anche in maggioranza a livello di consiglio di amministrazione.

In altri termini, chi contribuisce maggiormente allo sviluppo delle attività oggetto della Srl artigiana ha anche più diritti. Un altro limite imposto alle Srl artigiane, semplificate o ordinarie, è che il titolare dell’impresa artigiana non può esserlo anche di altre imprese. Inoltre, la definizione stessa di Srl artigiana prevede, ovviamente, che la maggior parte dei soci sia in possesso di tutte quelle competenze tecniche e professionali che consentono lo svolgimento dell’attività oggetto dell’impresa artigiana. Tali competenze sono dettagliate in modo specifico a livello di legge.


Quali sono i vantaggi di una Srl semplificata artigiana?

Oltre ai vantaggi che derivano dal fatto di essere una forma semplificata di Srl, le Srls artigiane hanno finalmente permesso agli artigiani di unirsi in una forma di società che consente di separare il proprio patrimonio personale dal capitale investito nella società stessa, poiché è a responsabilità limitata. In passato, in caso di debiti i creditori degli artigiani potevano rivalersi su tutti i loro beni. Ciò portava spesso inevitabilmente al fallimento della società e anche, purtroppo, a conseguenze drammatiche nel caso di insolvenza.

Grazie alle Srl semplificate, adesso, è possibile anche ai piccoli artigiani di costituirsi in società e di rispondere dei debiti solamente con la parte di capitale investito. L’unico inconveniente di questo tipo di forma giuridica è dato dal fatto che, per questo motivo, le banche sono più restie a concedere grossi prestiti agli artigiani; d’altra parte, però, le imprese artigiane non necessitano in genere di molti capitali per essere avviate e gestite, seppure le società di capitali siano più onerose di quelle di persone. Le Srl semplificate artigiane non offrono, infine, alcun vantaggio a livello fiscale rispetto a quelle ordinarie.


Quali sono i limiti di una Srls artigiana?

Le Società a responsabilità limitata e anche gli altri tipi di impresa artigiana devono rientrare in alcuni parametri che riguardano soprattutto il numero massimo di dipendenti, per poter essere considerate tali.

Le imprese che non lavorano in serie, ad esempio, possono avere al massimo 18 dipendenti alcuni dei quali possono essere apprendisti, ma senza superare le nove unità. Questi numeri si dimezzano nel caso di un’impresa artigianale nella quale la produzione avviene in serie, ma sempre sfruttando alcune lavorazioni di tipo manuale, come può essere, ad esempio, il caso di un’azienda che produce materassi artigianali, per cui i dipendenti possono essere al massimo 9 con 5 apprendisti. Numeri simili caratterizzano altri tipi di impresa artigianale, con l’eccezione di quelle che realizzano prodotti che hanno un valore artistico o di tipo tradizionale e delle sartorie, per le quali i dipendenti ammessi sono 32.

È da notare che il numero dei dipendenti include gli eventuali familiari dell’imprenditore nel caso in cui questi siano attivamente coinvolti nelle attività produttive.


Vuoi creare una SRL Semplificata Artigiana?

Come vedi l’argomento non è molto semplice. Inoltre ci sono delle alternative alla SRL Semplificata che possono essere più convenienti in casi specifici.

Prima di aprire una SRL Semplificata Artigiana ti conviene contattare il tuo commercialista di fiduccia, oppure il Servizio Contabile Italiano. E’ importante partire nel modo giusto. Sistemare errori a posteriori può risultare molto oneroso, particolarmente se per questo si debba coinvolgere il notaio.

%d bloggers like this: