SRL Semplificata Giovani

Srl semplificata giovani: limiti di età?

Oggigiorno i giovani sono la categoria di persone che ha più difficoltà a trovare un lavoro. Vista la drammaticità dei livelli di disoccupazione in Italia, nel 2012 è stato introdotto un nuovo tipo di società a responsabilità limitata definita “semplificata”, o Srls.

Inizialmente, questa Srl semplificata prevedeva limiti di età, poiché era destinata solamente ai minori di 35 anni. Successivamente, la Srl semplificata under 35 è stata estesa a chiunque sia in possesso di tutti gli altri requisiti necessari per avviarne una. Quindi per aprire una Srls l’età non è più un problema.

Se vuoi fare delle domande, contattaci subito!
Ti aiutarteremo in modo gratuito e senza impegno.
contattaci-small


Quali sono i requisiti necessari per aprire una Srls?

Per poter avviare una società a responsabilità limitata semplificata è sufficiente:

  • avere un capitale che va da 1 a 9.999 euro;
  • avere la possibilità di versare il suddetto capitale esclusivamente in contanti e all’atto della costituzione della società.
  • stipulare per iscritto un atto costitutivo che specifichi i dati anagrafici e le caratteristiche della società, oltre ai suoi amministratori.

Inoltre, adesso si può anche aprire una Srl semplificata over 35, ossia una Srl semplificata per chi ha più di 35 anni.

Nonostante il nome, però, per avviare questo tipo di impresa non è necessario avere dei soci, poiché una srls può anche essere di tipo individuale.


Quali sono i costi di apertura di una Srls?

Per avviare una Srls è necessario spendere un minimo di 400 euro circa per l’iscrizione alla Camera di commercio, l’imposta di registro e la denuncia di inizio attività.

Ad ogni modo un grosso vantaggio è costituito dal fatto che si è esonerati dal pagare le spese notarili, i diritti di segreteria per la Camera di Commercio e l’imposta di bollo.


La Srls è davvero vantaggiosa?

Come per ogni altra cosa, la Srls presenta diversi vantaggi e svantaggi. Fra i motivi per cui una Srls è vantaggiosa si trovano, come abbiamo visto, la possibilità di versare un capitale non troppo alto per poterla avviare e i costi di apertura ridotti per via del fatto che non si paga il notaio che deve redigere l’atto costitutivo.

Inoltre, trattandosi comunque di una Srl, i soci non devono rispondere con il proprio patrimonio personale in caso di debiti o fallimento.

D’altra parte, gli svantaggi o comunque le difficoltà che possono derivare dal fatto di aprire una società a responsabilità limitata semplificata sono i seguenti:

  • Costi gestione: rispetto ad altri tipi di impresa che sono stati pensati per aiutare i giovani a entrare nel mondo del lavoro, le Srls presentano costi di gestione piuttosto elevati poiché è necessario assumere un contabile per tenere i registri;
  • Capitale ridotto: si tratta di un particolare che potrebbe trasformarsi in un’arma a doppio taglio perché, se in caso di debiti ci si può rivalere sui soci solamente per la quota di capitale versato, ossia per un massimo di 9.999 euro, può essere molto difficile, se non impossibile, trovare una banca che sia disposta a concedere alla società un prestito di entità superiore. Inoltre, portare avanti un’impresa con soli 9.999 euro è più difficile di quanto si pensi.


I giovani si avvantaggiano davvero delle Srls?

Nonostante i pochi limiti evidenziati, le Srls stanno riscuotendo un successo sempre maggiore fra i giovani. Nel 2013, infatti, su 19.000 nuove Srls avviate ben 10.000 sono state aperte dagli under 35. Come si vede, si tratta di una cifra che supera il 50% di tutte le società a responsabilità limitata semplificata che sono state aperte nel corso dell’anno.

I motivi evidenti di ciò sono dovuti al fatto che le spese di apertura ridotte e la non necessità di versare un capitale troppo elevato agevolano sicuramente i giovani italiani, i quali, non avendo molte prospettive per quanto riguarda il lavoro subordinato, possono in questo modo realizzare il sogno di diventare imprenditori.


Che succede se si desidera sciogliere la Srls?

Se in qualunque momento, durante lo svolgimento dell’attività per la quale la Srls è stata costituita, si desiderasse sciogliere la società, è possibile farlo in modo piuttosto semplice. Infatti, è sufficiente nominare un liquidatore che si incarichi di saldare i debiti, incassare i crediti e chiudere i bilanci.

Subito dopo, si convocano i soci in assemblea e si delibera lo scioglimento, che viene verbalizzato da un notaio. La società va poi cancellata dal Registro delle imprese, sempre dal liquidatore. Questo può avvenire solamente dopo che il bilancio finale è stato approvato e depositato al Registro delle imprese stesso.


Suggerimento finale

Spero questo articolo ti sia stato utile. Ma se stai pensando a creare una SRL o un altro tipo di società, dovresti parlare con un commercialista. Il “fai da te” è molto rischioso e può portare a problemi molto seri.

Quindi la miglior cosa che puoi fare è parlare con il tuo commercialista. Se non hai ancora un commercialista puoi chiamare il Servizio Contabile Italiano. Loro ti guideranno passo a passo e sarai sempre al sicuro.

%d bloggers like this: